Li immortacci

 

Mia cuggina la Todrara
che conosce tanta ggente
dice: "Li cantanti morti
nun so' mmorti veramente.
So' nascosti a Roma a fa' la bella vita.
Sono stati presi in blocco da 'na dita
pe' ffa' vennere pi dischi
e faje un po' pubbliscit".

Ar Tuscolano ce sta er Chitara
conosciuto come er Vuducialdaro,
mentre ar Testaccio ce trovi er Mafrodito
che nun smette de cantacce:
"Li campioni semo noi".

A Murotorto an vedi er Rastamanno
che ce d le vibbrazioni rastamanne:
lui je dice a 'na pischella de nun piagnere perch
se fumamo er sigaretto con l'amico Selassi.

Semo li immortacci, semo li immortacci,
gli altissimi morti:
ma nun  vero, ma nun  vero,
siam tutti risorti.
Noi semo gli zombi der monno cantaro
guidati dar moog der Guardiano der faro:
semo li immortacci.

A Centocelle troneggia er Pelvicaro,
che bappaluba e magna tutti li frutti.
C'ha na fija che j'attizza er Trilleraro
che se chiama Micheletto
ma er negretto nun vff.

Ma quando viene sera, li immortacci
dai sette colli scennono in pianura,
co' certi mignottoni da paura,
poi cor magnaccia intoneno er refrein.

Semo li immortacci, semo li immortacci,
gli altissimi morti:
ma che ce frega, ma che ce importa,
siam sempre pi forti.
Ce piace sfrecci sur raccordo anularo,
ma a notte inortrata ce invita er Canaro
a facce du' spaghi.

Ma a Primaporta ce sta er Lucertolaro
che co' su' madre vole fare du' zompi;
cor Quattrocchi immagginaro,
con er Tromba e cor Vedraro,
l'Impiccato e er Fucilense se ne vanno l per l
a Freggene dar Piscina a fa' li sassi rotol.

Semo li immortacci, semo li immortacci,
cantanti feretri.
Quanno trapassi, quanno trapassi
vai sotto d metri;
puoi fare domanna pe' ffare ritonno,
per la domanna fa 'r giro del monno
e tu resti feretro:
feretro, feretro, feretro, feretro,
mortacci, feretro, feretro, mortacci, retrofit.
 
Stampa

Testi