Al mercato di Bonn

 

Tutti conosciamo quella melodia che fa:
"Tanti auguri a te!".
Giusto, proprio quella l che dopo fa cos:
"Tanti auguri a te!".

Ma per cazzeggiar felici
festeggiando con gli amici,
non basta solo un ritornello 
che per quanto bello 
 un po' fine a se stesso.

Ma a me  capitato un qualche cosa che ha del pazzesco.
- Dai la canto normale -

Guardo sulla bancarella di quel rigattier
al mercato di Bonn,
sai ci trovi questo e quello da quel rigattier
del mercato di Bonn.
E intravedo uno spartito,
obsoleto e manoscrito,
e incomincio a solfeggiare.

E in quell'istante ho capito di avere trovato
l'anello mancante di questa catena
di note incantate nei miei compleanni,
vi giuro ho trovato per caso la strofa di
"Tanti auguri a te".

Era un inedito di Beethoven
che fa cos:

Spegni bene le candele
soffia, soffia, soffia sopra le candele!
Non cercare di scappare
vieni a festeggiar con noi,
100 di codesti giorni non dimenticarlo mai.

No, no, no, no, non dimenticarlo mai,
no, no, no, no, 100 di codesti giorni.
Non dimenticarlo mai,
100 di codesti d.

Vieni qui, dove vai?
 la tua festa.

Tanti auguri a te,
tanti auguri a te,
tanti auguri felici,
tanti auguri a te.

Alles gute zum Geburtstag.
Happy birthday.

Quante sono le candele?
Una, 10, 100, 1000 le candele.
Le spegnerai - non posso
Le spegnerai - non sento
Il genetliaco.

Guarda qui, guarda l,
 la tua festa.

Tanti auguri a te,
tanti auguri a te,
tanti auguri felici,
tanti auguri a te.

Alles gute zum Geburtstag.
Alles gute zum Geburtstag.
Tanti auguri Beethoven,
e la torta a me.
 
Stampa

Testi